Arduino LM Space Contest

Arduino LM Space Contest

è indirizzato ai giovani fra i 16 e i 25 anni per la realizzazione di prototipi di automazione con l’obbiettivo di individuare delle possibili applicazioni innovative dei suoi prodotti, che possano essere utilizzate/implementate dalle imprese.
Il termine per la presentazione dei progetti sarà il 31 gennaio e per il vincitore è previsto un premio di 1.500 euro.
 

Intervista a Luca Dentella

Luca Dentella risponde ad alcune mie domande.

Nonostante il web sia piano di blog e tutorial su argomenti simili a quelli che scrivo seguo costantemente il lavoro di alcuni bloggers italiani che dedicano il loro tempo a divulgare progetti e informazioni molto interessanti e utili.

Luca è un appassionato di tecnologia che come me condivide sul suo blog (http://www.lucadentella.it) numerosi tutorial su Arduino e non solo!

Luca Dentella Blog
Ho pensato di porgli alcune domande perché curioso di sapere il suo pensiero:

Continua a leggere

Pi ZERO il primo Raspberry PI a 5 dollari

Pi Zero il computer più economico della storia

La fondazione Raspberry PI (www.raspberrypi.org) ci stupisce nuovamente introducendo la piccola PI ZERO, una nuova scheda dalle dimensioni disarmanti e dal costo di appena 5 dollari. Un piccolo computer (o meglio una piccola scheda madre) che permetterà di realizzare una miriade di progetti investendo una cifra irrisoria, ala portata di tutti.
Se qualche anno fa eravamo abituati ad avere in allegato alle riviste di tecnologia un dvd in omaggio piuttosto che piccoli gadget elettronici, oggi sembra incredibile vedere la PI Zero allegata alla rivista MagPI! Un computer in omaggio allegato alla rivista!

Raspberry Pi Zero

Nonostante il prezzo di lancio di 5 dollari, il SoC utilizzato (Broadcom BCM2835) è identico a quella della Raspberry PI Model A+ ma con una frequenza da 1GHz e una Ram da 512MB.

Continua a leggere

Raspberry PI primi passi

Tutorial Raspberry PI per principianti

Arduino ha rivoluzionato il mondo dei makers semplificando la creazione di nuovi dispositivi e progetti in modo semplice e veloce. Negli ultimi anni le schede Arduino sono diventate un ecosistema in grado di soddisfare tipologie di applicazioni molto diverse tra loro. Nonostante questa onnipresenza nei progetti dei makers nel febbraio del 2012 abbiamo visto nascere un nuovo dispositivo, la Raspberry PI, che probabilmente ha sorpreso anche i suoi creatori visto che nel giro di poco tempo la scheda è andata sold-out ed è tornata disponibile solo dopo alcuni mesi! Qualcuno l’ha definita prematuramente una Arduino killer ma successivamente si è dimostrata un ausilio, una scheda che può coesistere con il mondo Arduino.
Raspberry PI è in effetti un piccolo computer che permette di far girare un sistema operativo Linux, con la capacità di interagire con il mondo esterno grazie ad un connettore che permette di collegarla a dispositivi hardware o creare circuiti personalizzati.
Il suo successo è anche dovuto, probabilmente, ad un costo molto contenuto e alla crescente community che supporta gli utenti che vogliono imparare ad utilizzare la scheda.

Raspberry pi tutorial e progetti

Raspberry PI 2 Model B

Solitamente l’uso di un sistema Linux spaventa un po gli utenti alle prime armi perché il suo uso non è molto intuitivo e soprattutto programmare in questo ambiente richiede determinate conoscenze e abilità. Ma in effetti lo scopo della Raspberry PI è quello di insegnare i rudimenti dell’informatica e dell’elettronica in particolar modo agli studenti delle scuole elementari e primarie.
La programmazione è resa semplice (o comunque alla portata di molti) utilizzando un linguaggio di scripting evoluto e moderno come Python (il nome PI sta per Python).

Continua a leggere

Arduino. Utilizzare la rete GSM per progetti IoT

Come utilizzare Arduino e rete gsm per progetti IoT

Sentire parlare di progetti IoT è quasi diventata una moda e nonostante la realizzazione di progetti più o meno interessanti, possiamo confermare che il mercato è in forte espansione e l’industria sta investendo ingenti capitali. Uno degli aspetti chiave dell’internet delle cose è sicuramente la remotizzazione dei dispositivi. Vengono perciò progettate reti dedicate, come la rete Sigfox oppure il sistema LoRa caratterizzate da lunghe distanze operative e bassi consumi.
Un altro canale di comunicazione che sta ritornando in uso è la rete gsm, forte della sua alta percentuale di copertura del territorio nazionale e un uso ormai semplificato grazie a libreria pronte all’uso.
Nonostante i moduli GSM abbiano un consumo energetico maggiore rispetto a quelli SigFox e LoRa, rimane comunque un sistema molto valido soprattutto in attesa che anche nel nostro paese vengano realizzate reti IoT dedicate.

Esistono diverse shield gsm o moduli stand alone che permettono di costruire circuiti capaci di dialogare tra loro a grandi distanze. La shield ufficiale Arduino è da tempo indisponibile, nonostante esiste una seconda versione, viste le diatribe tra le due società Arduino, ho preferito usare un altro prodotto ed in particolare quello sviluppato da Mikroelektronica che si basa sul modulo M95A perché  ha un costo contenuto ed è compatibile con la libreria ufficiale disponibile nell’ide sviluppato da Arduino.cc.

Continua a leggere

Arduino, Time, TimeAlarms e DS1307RTC

Come gestire il tempo con Arduino

I microcontrollori funzionano grazie ad una sorgente di clock che permette di temporizzare e sincronizzare tutti i moduli che lo compongono. Il clock è un segnale con una frequenza fissa e stabile tipicamente prodotta da un oscillatore al quarzo. Questo segnale è la base per tutte quelle applicazioni che devono gestire date e orari. In effetti esistono molte applicazioni in cui la gestione del tempo è il fattore principale, pensiamo a tutti quegli automatismi che vengono attivati in funzione dell’ora e della data corrente o che devono compiere delle azioni cicliche.
La gestione del tempo viene affidata a librerie esterne all’Arduino IDE, on line troviamo decine di progetti, quella che io utilizzo è la libreria Arduino Time scritta da Michael Margolis. Questa libreria comprende le classi Time, TimeAlarms e DS1307RTC, con cui è possibile avere un controllo pressoché completo sulle data e sull’orario.

La sorgente di clock alla base della generazione del dato di tempo può essere quella interna al microcontrollore oppure quella gestita da un circuito esterno, tipicamente chiamato Real Time Clock(RTC) come l’itegrato DS1307.
La differenza sostanziale è che usando un RTC avremmo sempre a disposizione il tempo e la data correnti poiché questo circuito tiene in memoria il conteggio impiegando una batteria tampone. Quando la base dei tempi è il clock interno del mirocontrollore, avremo il vantaggio di risparmiare sul costo dell’hardware esterno, ma purtroppo in caso di reset o mancata alimentazione del circuito, la perdita del conteggio. Quindi quando il nostro progetto ha bisogno di avere una fonte temporale sicura è consigliato l’uso di un circuito RTC. Per tutte le applicazioni di test possiamo invece utilizzare il conteggio interno del microcontrollore.

Continua a leggere

Arduino Day 2015 in Sardegna

Arduino Day 2015 si festeggia il compleanno di Arduino

Due gli eventi sardi per festeggiare la scheda di prototipazione creata da M. Banzi e Co. Le manifestazioni sono state organizzate dal Fablab Sardegna Ricerche e dall’Arduino User Group Cagliaritano. Quello a cui ho assistito è stato ospitato dall’istituto superiore Buccari Marconi di Cagliari in collaborazione col Fab Lab Sardegna Ricerche.

Arduino day 2015 cagliari sardegna

Oltre alle ormai onnipresenti stampanti 3D, tra le quali una realizzata dagli studenti dell’istituto, sono stati presentati anche diversi progetti di domotica e automazione.

Continua a leggere

Prodotti consigliati


Compra su Amazon ItaliaCompra su Amazon ItaliaCompra su Amazon ItaliaCompra su Amazon Italia

Sondaggi

Quale metodo usi per imparate ad usare Arduino/Netduino?

Visualizza risultati

Loading ... Loading ...

Seguimi su Twitter